L’Enoteca Marcucci – Pietrasanta

✦  L’Enoteca Marcucci  ✦

 

 Una sorta di Sancta Sanctorum del bere, un luogo quasi onirico dove togliere il guinzaglio

alla voglia di bere e degustare. Gino Carmignani (Fuso) l’ha definita, la “reggia del Vino”.

Enoteca Marcucci, Pietrasanta, Mangiare a manovella, Sandro Verdiani, Michele Marcucci, Champagne Basetta

 

Enoteca Marcucci, Pietrasanta, Mangiare a manovella, Sandro Verdiani, Michele Marcucci, Champagne Basetta

Enoteca Marcucci, Pietrasanta, Mangiare a manovella, Sandro Verdiani, Michele Marcucci, Champagne Basetta

Enoteca Marcucci, Pietrasanta, Mangiare a manovella, Sandro Verdiani, Michele Marcucci, Champagne Basetta

A raccontare, ancora una volta (chissà quante volte lo ha fatto ), la storia

dell’Enoteca che porta il suo cognome, è Michele Marcucci. Lo avviciniamo

dopo aver cenato nel suo locale, in Via Garibaldi a Pietrasanta (LU). È una

serata particolare, perché il giorno dopo l’Enoteca chiuderà per ferie, si avverte

un’atmosfera dal respiro più rilassato, e noi ne approfittiamo per conoscerlo meglio.

Enoteca Marcucci, Pietrasanta, Mangiare a manovella, Sandro Verdiani, Michele Marcucci, Champagne Basetta

 

 “nasce nel 1987 come trasferimento dell’attività dei nonni, che fin dagli anni ‘50,

vendevano vino in fiaschi e damigiane con consegne a domicilio. In seguito, io e mio

fratello siamo venuti qua con in tasca una licenza di somministrazione di alimenti

e bevande, la mamma faceva la maestra elementare e il babbo lavorava in banca,

solo dopo, si sono dedicati a tempo pieno all’enoteca, all’epoca servivamo solo salumi e

formaggi, poi è stato ristrutturato il vecchio camino e ricavate le stanze per la cucina.

 

Enoteca Marcucci, Pietrasanta, Mangiare a manovella, Sandro Verdiani, Michele Marcucci, Champagne Basetta

 

Mentre stiamo parlando, sopra le nostre teste campeggiano sospese nel vuoto, le

istallazioni ideate per il 2019. Negli anni passati abbiamo ammirato vecchie

trottole, robot, mega-racchette da ping pong, tonni giganti ecc. ecc. Quest’anno

è di scena il “ciclismo”, bici d’epoca, intere, smontate  e riassemblate in maniera

artistica, sellini… veri e stilizzati, ruote, maglie da corsa vintage e per finire… un

enorme sellino realizzato dai Fratelli Cinquini di Viareggio (Carristi del Carnevale).

Enoteca Marcucci, Pietrasanta, Mangiare a manovella, Sandro Verdiani, Michele Marcucci, Champagne Basetta

 

Chiediamo a Michele di spiegarci meglio come nasce il suo Champagne “BASETTA”, e lui

ci fa cenno di seguirlo. Arrivati in quella, che più che una cantina, sembra una piccola

cattedrale, il silenzio è palpabile, centinaia, anzi migliaia di bottiglie riposano e maturano sotto

l’occhio attento dei termometri che garantiscono temperatura – umidità in maniera costante.

 

Enoteca Marcucci, Pietrasanta, Mangiare a manovella, Sandro Verdiani, Michele Marcucci, Champagne Basetta

Enoteca Marcucci, Pietrasanta, Mangiare a manovella, Sandro Verdiani, Michele Marcucci, Champagne Basetta

 

Versa il suo Basetta e spiega l’origine del nome: tutto nasce per prendere in

giro un giovane amico che portava i basettoni, così furono fatte 600 bottiglie 

con la sua silhouette, da quel momento la produzione non si è più fermata,

anzi siamo arrivati a oltre 2000 bottiglie. Non siamo grandi esperti in campo

di “bollicine”, quello che beviamo stasera è uno Champagne fresco e fruttato,

che si presta al pasteggio ma invita anche a curiosare più a fondo, nel suo bouquet.

 

Enoteca Marcucci, Pietrasanta, Mangiare a manovella, Sandro Verdiani, Michele Marcucci, Champagne Basetta

Enoteca Marcucci, Pietrasanta, Mangiare a manovella, Sandro Verdiani, Michele Marcucci, Champagne Basetta

 

Parliamo di Montecatini, di cantine e aziende vinicole, di ristoranti e amici

ristoratori, di pesca e altre cose. Venti minuti trascorsi in compagnia di una

persona speciale, come un amabile Chef de Cave ha condiviso il suo tempo con noi,

nel posto che forse lo appassiona di più, lo abbiamo davvero apprezzato: grazie.

 ✦          ✦          ✦

Ai tavoli dell’Enoteca Marcucci si siedono, mangiano e degustano, personaggi della

cultura, dello sport, moda, arte e spettacolo, soprattutto percepiscono l’empatia che

Michele e il suo staff, nel corso degli anni, sono riusciti  ad avere con i propri clienti.

Una magia che ha stregato Paul Smith, Fernando Botero, Giorgio Armani, Gene Wilder,

Carlo Vanzina, Andrea Bocelli, e ancora una lista infinita di personaggi che hanno

varcato la soglia di questo “enjoiment place” situato all’interno di un antico palazzo

rinascimentale. Vi raccontiamo con le immagini la nostra cena. Prenotate sempre.

Enoteca Marcucci, Pietrasanta, Mangiare a manovella, Sandro Verdiani, Michele Marcucci, Champagne Basetta

 

Enoteca Marcucci, Pietrasanta, Mangiare a manovella, Sandro Verdiani, Michele Marcucci, Champagne Basetta

Uovo in camicia con Porri fritti

 

Enoteca Marcucci, Pietrasanta, Mangiare a manovella, Sandro Verdiani, Michele Marcucci, Champagne Basetta

Pecorini delle colline Toscane con Miele di spiaggia, Noci e Marmellata di Arancia amara.

 

Enoteca Marcucci, Pietrasanta, Mangiare a manovella, Sandro Verdiani, Michele Marcucci, Champagne Basetta

“Alle Boe” – Pinot nero selezionato dall’Enoteca Marcucci

 

Enoteca Marcucci, Pietrasanta, Mangiare a manovella, Sandro Verdiani, Michele Marcucci, Champagne Basetta

Polpo di scoglio al Rosmarino

 

Seppioline di Viareggio con Fagioli “schiaccioni” di Pietrasanta alla Salvia

 

Enoteca Marcucci, Pietrasanta, Mangiare a manovella, Sandro Verdiani, Michele Marcucci, Champagne Basetta

Gelato appena fatto con Latte di Capra e Tortino al Cioccolato con Crema Inglese

 

Michele può essere orgoglioso dell’aver creato, insieme ai propri familiari, un

locale divenuto punto di riferimento per chi apprezza l’arte dello stare insieme,

accompagnata dagli ingredienti più indispensabili e appaganti, come cibo e buon bere.

 

Registi di una cantina armata di tremila etichette al servizio di una cucina priva di orpelli,

volutamente semplice, perché in Toscana non c’è bisogno di altro, i prodotti sono un

“tesoro inestimabile”, contano sulla freschezza delle materie prime, il cibo fa soltanto da

spalla a bottiglie che partono da poche decine, fino ad arrivare a diverse migliaia di euro.

 

All’eccellenza si giunge grazie a qualità inavvertibili come gentilezza d’animo, umanità e amore

per il proprio lavoro. Ai molti… (fortunatamente per noi, tantissimi), che giudicano l’Enoteca

Marcucci, solo ed esclusivamente dal prezzo di quello che è passato nel loro piatto, rispondo

con una citazione dello scrittore, musicista, pittore e fotografo italiano, Andrea De Carlo:

“Non esiste una qualità che non abbia un costo,

più bella e rara è la qualità, più alto è il costo”

Enoteca Marcucci, Pietrasanta, Mangiare a manovella, Sandro Verdiani, Michele Marcucci, Champagne BasettaEnoteca Marcucci, Pietrasanta, Mangiare a manovella, Sandro Verdiani, Michele Marcucci, Champagne Basetta

L’Enoteca Marcucci

Via Garbaldi 40  Pietrasanta (LU)

Per chiamare clicca sul numero sotto 👇

0584791962

______________________________________________

Salotto del Vino e del verde – 2019 – Montecarlo

Salotto del vino e del Verde 2019

Foto finale della serata - Rist.Enoteca La Torre, Montecarlo - Albero e Foglia, Pescia - Naturopata Marco Pardini - Gino "Fuso" Carmignani e Champagne J. De TELMONT

Foto finale della serata – Rist.Enoteca La Torre, Montecarlo – Albero e Foglia, Pescia – Naturopata Marco Pardini – Gino “Fuso” Carmignani e Champagne J. De TELMONT

Decima edizione per il “Salotto del Vino e del Verde” di Montecarlo, e

seconda volta per “Mangiare a manovella”. Partner della serata, gli amici

Monica, Franco e Pietro, della “Villa del Dottore” e del Blog: The Kitchen is Open.

mangiare a manovella, the kitchen is open, salotto del vino e del verde montecarlo

L’anno scorso il Ristorante della serata era il “Casta d’Uva”(vedi l’art. del 2018)

in Loc. Turchetto (scopri il Ristorante), quest’anno ci siamo deliziati

con i piatti dell’Enoteca Ristorante “La Torre di Montecarlo.

mangiare a manovella, the kitchen is open, salotto del vino e del verde montecarlo

Serata fantastica, sia per il clima, che per l’atmosfera d’altri tempi che

ogni volta ci fa respirare il giardino dell’Istituto Pellegrini-Carmignani.

Salotto del vino e del verde 2019, Montecarlo, ristorante la torre, mangiare a manovella

Salotto del vino e del verde 2019, Montecarlo, ristorante la torre, mangiare a manovella

Salotto del vino e del verde 2019, Montecarlo, ristorante la torre, mangiare a manovella

Salotto del vino e del verde 2019, Montecarlo, ristorante la torre, mangiare a manovella

Carlo Alberto Pazienza con lo Staff di Mangiare a manovella e The Kitchen is Open

Stasera incontreremo i prodotti dell’Azienda Agricola “Albero e Foglia”, di

Medicina, una bella realtà della nostra svizzera pesciatina. Un paradiso incontaminato

dove Stefano natali e il suo staff si prendono cura dei castagneti da frutto, dove puoi

acquistare Castagne fresche, Farina di Castagne, Formaggio caprino e pecorino, Olio e Miele.

Albero e Foglia pescia, Salotto del vino e del verde 2019, Montecarlo, ristorante la torre, mangiare a manovella

Una piccola entrata che conferma la qualità dei Formaggi usati nella serata

e la bravura della cucina nel saperli abbinare esaltando acidità e dolcezza.

Salotto del vino e del verde 2019, Montecarlo, ristorante la torre, mangiare a manovella

Scelta azzeccata per il piatto dell’Antipasto, la freschezza del “primosale” ci ha colpito

talmente tanto da promettere una visita quanto prima a questa azienda agricola. Il

contrasto con la Cipolla era devastante. Partiamo forte. Chiara Gambacorti ed Elisabetta

Gemignani, firmano la sigla d’inizio della serata con una Insalatina di Sedano scarola

e Uva della Torre, con Primosale all’Erba cipollina e Cipolle Lucchesi DOC La Torre.

Salotto del vino e del verde 2019, Montecarlo, ristorante la torre, mangiare a manovella

Insalatina di Sedano scarola e Uva della Torre, con Primosale all Erba cipollina e Cipolle lucchesi stufate.

I Sommelier dell’A.I.S di Lucca versano nel primo dei quattro

bicchieri, un MONTECARLO BIANCO DOC “Fattoria La Torre”.

Salotto del vino e del verde 2019, Montecarlo, ristorante la torre, mangiare a manovella, ais lucca

Salotto del vino e del verde 2019, Montecarlo, ristorante la torre, mangiare a manovella, ais lucca

Montecarlo Bianco,Salotto del vino e del verde 2019, Montecarlo, ristorante la torre, mangiare a manovella, ais lucca

Chapeau per il profumo e la consistenza degli Gnocchetti di Patate allo Zafferano con Pesto

di Ricotta e Salvia. Anche questo piatto, vorrei ri-degustarlo con calma al tavolo della “ Torre ”.

Salotto del vino e del verde 2019, Montecarlo, ristorante la torre, mangiare a manovella, gnocchi

Gnocchetti di Patate allo Zafferano con Pesto, Ricotta e Salvia

Cambiamo vino… l’energico giallo paglierino dell’ALTAIR, sempre della Fattoria la Torre,

colora il secondo bicchiere. Grandi profumi di frutta e buona persistenza. Sul palco intanto,

doppia intervista con Marco Celli e Gino… inutile dire che è stato divertente, un bel siparietto.

Salotto del vino e del verde 2019, Montecarlo, ristorante la torre, mangiare a manovella, Altair

Con un Coniglio ripieno di Pancetta, Pecorino al Pepe e Cicoria, su Fonduta

di Pecorino al pepe e Patate al forno… non potevamo aspettarci che un Rosso.

Pronto all’appello fa il suo ingresso nel terzo bicchiere: Stringaio (Fatt. La Torre).

Sull’inconfondibile aroma del Coniglio (che adoro), l’armonia di questo vino

profumato dall’affinamento 12 mesi in Barriques, ci è piaciuta davvero tanto.

Salotto del vino e del verde 2019, Montecarlo, ristorante la torre, mangiare a manovella, Coniglio

Coniglio ripieno con Pancetta, Pecorino al Pepe e Cicoria, su Fonduta di pecorino al pepe e Patate al forno.

Salotto del vino e del verde 2019, Montecarlo, ristorante la torre, mangiare a manovella, Stringaio

Ecco un Dolce semplice, cucinato in maniera perfetta, qua si scoprono le caratteristiche

della qualità della Farina di Castagne dell’Azienda di Stefano Natali (Albero e Foglia). Sale in

cattedra una Crespellina di Farina di Castagne con Ricotta e More di rovo (…raccolte da Betty)

Salotto del vino e del verde 2019, Montecarlo, ristorante la torre, mangiare a manovella, Crespella

Crespellina di Farina di Castagne con Ricotta e More di rovo

Stasera, Gino “Fuso” (guarda il ristorante) non accompagna i suoi Vini. Lo

incontriamo invece nella veste di presentatore. Fabrizio Diolaiuti, esperto e disinvolto

conduttore dal linguaggio semplice, che ha preso per mano la conduzione del “Salotto”,

può stare tranquillo però, non c’è concorrenza, Gino stasera presenterà uno Champagne.

Con il prezioso supporto di Fulvio Donatini che ha spiegato tecnicamente e in maniera

dettagliata e professionale il prodotto, e la presenza rassicurante dell’amico Roberto Forassiepi,

Gino ha rivelato invece l’importanza e la particolare produzione di questo Champagne,

(J.De TELMONT) che onora, raffigurando nella propria etichetta, il drappo del 50° anno

del consorzio di Montecarlo, regalato in segno di gemellaggio, al paese francese di Damery.

Fulvio Donatini insieme a Roberto Forassiepi e Gino "Fuso" Carmignani, sul palco del Salotto del Vino e del Verde di Montecarlo - Settembre 2019

Fulvio Donatini insieme a Roberto Forassiepi e Gino “Fuso” Carmignani, sul palco del Salotto del Vino e del Verde di Montecarlo – Settembre 2019

Champagne J. de TELMONT, Salotto del vino e del verde, montecarlo, mangiare a manovella

Champagne J. De TELMONT

È sempre piacevole partecipare a questo evento che si svolge in concomitanza con la Festa del

Vino di Montecarlo, perché non si tratta mai di una cena fine a se stessa, pur riconoscendo che

le serate sono dei veri e propri “percorsi enogastronomici”, il valore da estrapolare è quello delle

conoscenze. Cuochi, Sommelier, Ristoratori, Viticultori, Poeti, Artisti…  al Salotto del Vino e del

Verde in quella settimana viene concentrata tanta bellezza, sotto forma di cibo, vino e cultura.

Salotto del Vino e del Verde

Via Roma,7   Montecarlo LU

Per chiamare clicca sul numero sotto 👇

0583 228881

 

La VINSANTAIA di Capezzana – PO

Luglio 2019, il caldo del giorno è stato insopportabile, mi metto al pc e digito nella

ricerca: “cenare al fresco in collina”, fra i tanti risultati, ce n’è uno più pittoresco di altri… Continua a leggere..

Tasting Montecatini – Terme Tettuccio

Tasting Montecatini, Mangiare a manovella

Si chiama “Tasting Montecatini” l’evento che si è appena concluso

( 29-30-31 Marzo ) all’interno delle  Terme Tettuccio di

Montecatini Terme, precisamente nel bellissimo Salone Portoghesi.

Tasting Montecatini, Mangiare a manovella

Salone Portoghesi

 

Una tre giorni enogastronomica all’insegna del gusto e dei sapori, pensata da un gruppo

di ristoratori locali: Giacomo Ferretti, Moreno Degli Esposti e Lorenzo Bertelloni, e

realizzata dalla Confcommercio Pistoia e Prato e Comune di Montecatini Terme, con il

patrocinio della Regione Toscana. La manifestazione  ha visto impegnati ristoranti,

aziende vinicole, chef, sommelier, pasticcerie e produttori locali. La città di Montecatini 

si arricchisce così di una manifestazione di pregio che punta all’interesse di un turismo

raffinato ed elegante. La visita di Mangiare a manovella è stata più che altro un

“recarsi a pranzo da amici”, tante erano le aziende e le persone con cui avevamo già un

ottimo rapporto di confidenza. Vi raccontiamo la nostra visita di Domenica 31 Marzo,

cercando di segnalare tutte le eccellenze presenti all’interno della manifestazione.

Nel programma-menù “A OGNI PIATTO IL SUO CALICE“, (Percorsi di degustazione in

abbinamento cibo-vino) si poteva scegliere uno o  più piatti proposti da questo o

quel ristorante e degustare in abbinamento il vino consigliato dalle cantine presenti.


L’occasione è ghiotta… come non approfittare dell’assaggio di un “piatto stellato”.

Ci hanno prima incuriosito, e conquistato dopo, i Tortelli di Pecorino Toscano,

brodo di Pigne verdi e Pinoli di San Rossore, i suoi Aghi caramellati,

Miele di favo e acetosa dei campi – La seconda proposta erano delle Uova di rossa

Livornese in bassa temperatura, fondente di Bietole, Asparagi, Parmigiano

affumicato al legno di Ulivo ed Emulsione di Camomille matricaria 

Ristorante ATMAN – Via Borghetto 1 – Loc. Spicchio – Lamporecchio (PT) .

Chef  Marco CahssaiIn abbinamento al piatto, un prodotto proveniente

dalle Cantine RUFFINO, un Pinot Grigio del 2018 – Tenuta LA SOLATÌA. 

Atman, Tasting Montecatini, Mangiare a manovella

 

Tasting Montecatini, Mangiare a manovella, Terme Tettuccio, Sandro Verdiani


Dopo le stelle di Villa Rospigliosi,  incontriamo un amico ristoratore da sempre avvezzo

nel proprio locale, a “maneggiare”  pesce freschissimo, in più, da ormai diversi anni,

ha arricchito il proprio ristorante con una “ostricheria” dove le bollicine hanno trovato

il suo habitat naturale. Due i piatti proposti… Salmone “cotto non cotto” marinato

e arrostito, Croccante di Brigidini di Lamporecchio e Morbido di Yogurt

e Miele Toscano. Noi non abbiamo resistito al richiamo della Tartare al coltello di

pescato fresco, riduzione di Vin Santo Toscano e Corallo croccante di

Pecorino Toscano e Paprika dolceRistorante Ostricheria da Lorenzo,

 Corso Roma 45 – Montecatini  Terme (PT)  ( leggi la recensione Maggio 2018) 

Ci siamo affidati al consiglio di uno dei Sommeliers dell’ AIS  delegazione di Pistoia  che ci

ha proposto un Vermentino DOC PAGLIATURA della Fattoria di Magliano in Maremma.


Tasting Montecatini, Ristorante da Lorenzo, Mangiare a manovella

http://www.fattoriadimagliano.it/


 

Una menzione particolare va ai ragazzi dell’Istituto Alberghiero Montecatini Terme

 per averci letteralmente coccolato con una presenza discreta e molto professionale.

 


 

Proseguiamo il percorso, quando all’improvviso un trascinante odore di formaggio

ci prende per mano e ci porta dritti dritti fino a quella che diventerà la nostra

prossima tappa, CASA GALA Ristorante, Via Talenti 2 – Piazzetta Montecatini Alto PT. 

( Recensione Giugno 2017 )  A fare gli onori di casa lo Chef  Simone Malucchi, che

ci presenta un piatto tradizionale della nostra terra proposto però in una nuova veste.

Ravioli pesciatini artigianali in Crema di Blu Stylton Cheese con

briciole di Salvia fritta e Sesamo nero. L’altra scelta era una Parmigianina

espressa in Millefoglie di Pane Carasau con acciughina e Pesto di Capperi.

Tasting Montecatini, Casa Gala, Mangiare a manovella

La postazione del Rist. CASA GALA


L’incontro con alcuni amici Blogger ci rende molto felici, la loro presenza è

una testimonianza importante che sottolinea la valenza e l’importanza di questo

primo evento in terra di Valdinievole. Armando Alibrandi della Terra del Gusto

e Silvia Ceriegi di Trippando.  Auspicabile in futuro, per una crescita della

manifestazione, una presenza sempre maggiore dei “social” e delle persone che

tramite questi ultimi, sanno fare una promozione mirata e  professionale.


Al primo piano del salone c’era il Mercato della Terra con l’esposizione

e la vendita di Prodotti locali a Km 0. Scendendo e attraversando i 400 mq.

del Salone Portoghesi, si ha la sensazione di essere in un bosco coperto…

dodici meravigliosi pilastri in legno a forma di albero, abbelliscono la struttura

coperta con un bellissimo lucernario dai vetri colorati.  Mentre siamo con il

naso all’insù, ci scontriamo con quella che sarà la nostra prossima degustazione.


Lavora nel paese di Pinocchio ma, a differenza del famoso burattino,

lui non racconta bugie, specialmente in cucina. Lo Chef Iacopo Vannini

  del Ristorante Villa Garzoni, Piazza della Vittoria 1 – Collodi PT , ci presenta

i piatti che ha pensato per questa manifestazione. Tortelloni di Faraona

fatti in casa, con Scalogno, su riduzione di Zafferano e Rollatino

di Coniglio farcita alle Castagne in crosta di Lardo di Colonnata. Scegliamo

il Coniglio e siamo pronti ad ascoltare i suggerimenti del Sommelier per valorizzare al

meglio questo piatto. La scelta cade su un Poggilarca 2015 -Carmignano – Artimino

Tasting Montecatini, Villa Garzoni, Mangiare a manovella

Ristorante Villa Garzoni

Tasting Montecatini, Mangiare a manovella


 

Facciamo nemmeno un paio di metri, e ci troviamo di fronte al signore della carne,

Giacomo Ferretti. La sua è una tradizione familiare che nasce nella Monsummano

del 1930. Il nonno Augusto, apre una macelleria dove, prima Leopoldo e poi Giacomo,

tramanderanno la passione e l’impegno per questo lavoro ai figli e ai suoi collaboratori.

Oltre all’Osteria e alla macelleria, sono nate due botteghe dove si gustano panini

fantastici, farciti con prodotti di qualità, molti dei quali di sua produzione. Qua vanno in

scena due cavalli di battaglia molto appetitosi:  Tartaburger e Orzotto al Lampredotto.

Osteria IL MAIALETTOV. della Repubblica 372 Monsummano Terme PT . 

Tasting Montecatini, Il Maialetto, Mangiare a manovella

Osteria il Maialetto


Ci teniamo tantissimo a farvi conoscere anche gli altri Locali presenti a questo evento,

che per motivi di tempo e gestione del nostro appetito, non abbiamo potuto onorare.

 

Ristorante Cibus – Corso Matteotti 97 Montecatini Terme (PT) –

Polpo al Vino rosso con Crema di Fagioli di Sorana IGP Stoccafisso con Salsa sbrisolona.

 

Osteria il Bivio -Località Vico,1  Montecatini Terme (PT)  Paccheri con Ragù di Papero e Filetto di Manzo nostrale a bassa temperatura.

 

La Dispensa – Via Giugnano 87 – Lamporecchio (PT)  Agnello con Carciofi e Gnocchi Porro, San Pietrino muffato e Noci

 

Lucignolo Catering & Restaurant – Via Amendola 1 – Uzzano (PT)  Croccante di Riso al Pecorino stagionato, Crema di Asparagi Pesciatini, Gocce di Pomodoro (vegetariano, gluten free) e Bocconcini di Capriolo alle Mele verdi e Pinoli.

 

Pasticceria Desideri – Via Giovanni Gentile – Montecatini Terme (PT)  Zabaione fresco al Vin Santo con Crumble di Cantucci Desideri – Mimosa di Brigidino Desideri con Mousse all’Arancio – Alba Montecatinese, incontro tra Cialde di Montecatini e la Salsa di Cioccolato.


 

Ci sono i cinque sensi, e poi esistono i cinque gusti fondamentali… il Dolce è uno

di questi, considerato da tutti come una sensazione, piacevole. A rappresentare

la Famiglia Pellegrini, che ha il compito ( insieme alla Pasticceria Desideri)

di lasciar la “bocca buona” ai tanti intervenuti al Tasting Montecatini, c’è il sorriso

di Serena. Tre sono le proposte della Pasticceria PellegriniVia Ruggero Leoncavallo 11

Montecatini Terme (PT) . Semifreddo al Cioccolato e Rum – Millefoglie caramellato con

Crema pasticciera Meringato con Cioccolato caldo.

 

Tasting Montecatini, Pasticceria Pellegrini, Mangiare a manovella

Pasticceria Pellegrini

Non hanno sbagliato niente neanche stavolta gli amici

dell’AIS, Grappa Carmenere Podere Sapaio.

Tasting Montecatini, Podere Sapaio, Mangiare a manovella


 

Purtroppo siamo dovuti scappare pochi minuti prima della degustazione

guidata dal Maestro Slitti e gli Amici del Club Toscano

Il Sigaro Toscano incontra il Cioccolato.

Non meno preziosa è stata la perdita della presentazione del libro

di Stefano Pinciaroli , Chef del Ristorante PS a Cerreto Guidi

FI,  e del giornalista critico enogastronomico  Claudio Mollo.


Pochi centinaia di metri e siamo immersi nella Pineta di Montecatini, coccolati

dal sole e dal verde. Le nostre impressioni sono positive. Gli organizzatori con

cui abbiamo parlato sono soddisfatti di questa puntata “numero zero”, consapevoli

che ci sono margini di miglioramento, felici però se ci sarà l’occasione, di mettersi

ancora al servizio di questa città, e per quello che, speriamo tutti, possa

diventare un appuntamento importante per gli amanti del buon cibo e del buon bere.


TASTING MONTECATINI

Terme Tettuccio

Montecatini Terme  – PT

Per informazioni clicca sul numero sotto 👇 

0572904266


 

PROCACCI – Firenze

Abbiamo il giorno libero e il nostro “modus operandi” è sempre quello di soddisfare

le esigenze di tutti componenti della famiglia.  Abbiamo scelto Firenze per le

infinite tipologie e sfaccettature che offre, un gran mix tra svago e cultura. Dopo aver

 accompagnato Gino al MAF (Museo ArcheologicoNazionale) a vedere le “mummie”

nella sezione Egizia, ci siamo presi una pausa un pò più rilassante e godereccia.


Primo appuntamento per noi, ma sosta imperdibile per tanti

Fiorentini e turisti, decidiamo di fare sosta da Procacci.

 

Procacci, Firenze, Mangiare a manovella, Tartufo, Panino tartufato, Antinori, Wine Bar, Gastronomia di lusso, Toscana, Sandro Verdiani, Tania Boccia

 

Il locale è piccolino ma oggi abbiamo fortuna, uno dei tre tavoli

si è appena liberato e… possiamo andare in scena. È un posto unico e

seducente, che ha la fortuna di avvalorarsi di un’atmosfera d’altri tempi.


Leggiamo in alto: Tartufi, limentari di lusso… non saprei, potremmo anche definirlo

“gastronomia di classe”, oppure un “ winebar ” storico ed elegante. A pensarci bene

però tutto questo appare un pò riduttivo, perché Procacci è questo e anche molto di più.

 

Procacci, Firenze, Mangiare a manovella, Tartufo, Panino tartufato, Antinori, Wine Bar, Gastronomia di lusso, Toscana, Sandro Verdiani, Tania BocciaProcacci, Firenze, Mangiare a manovella, Tartufo, Panino tartufato, Antinori, Wine Bar, Gastronomia di lusso, Toscana, Sandro Verdiani, Tania Boccia

 

Questa antica bottega è un angolo prezioso per la città

di Firenze, è stata aperta nel 1885 da Leopoldo Procacci.


Situata nella centralissima Via de’  Tornabuoni, ( famosissima via

dello shopping dove si concentrano le boutique di Gucci, Cavalli,

Ferragamo, Bulgari, Hermes, Dior,  Prada, Fendi, Armani, Tiffany,

Burberry, Balenciaga e chi più ne ha più ne metta ) si è fatta conoscere

ed amare grazie alle sue specialità legate alla lavorazione del tartufo.

 

Procacci, Firenze, Mangiare a manovella, Tartufo, Panino tartufato, Antinori, Wine Bar, Gastronomia di lusso, Toscana, Sandro Verdiani, Tania Boccia

 

Quando mi trovo di fronte a quella mitica vetrina di neanche due metri,

sento tutto il peso e l’importanza che ricopre questa istituzione della

gastronomia Fiorentina, i suoi panini tartufati sono famosi in tutto il mondo,

per questo noi ne prendiamo due con la mortadella… ( si certo… come no ).


Scherzi a parte, visto che tutti dicono che sono piccoli, ( lo canta anche

Marasco in “Teresina” ...s’andiede da i’Procacci, pè prendere un panino,

la disse: Gl’è piccino! ) allora la scusa è buona per assaggiarne più di uno.

 

Procacci, Firenze, Mangiare a manovella, Tartufo, Panino tartufato, Antinori, Wine Bar, Gastronomia di lusso, Toscana, Sandro Verdiani, Tania BocciaProcacci, Firenze, Mangiare a manovella, Tartufo, Panino tartufato, Antinori, Wine Bar, Gastronomia di lusso, Toscana, Sandro Verdiani, Tania BocciaProcacci, Firenze, Mangiare a manovella, Tartufo, Panino tartufato, Antinori, Wine Bar, Gastronomia di lusso, Toscana, Sandro Verdiani, Tania Boccia

 

Tartufati con tartufo e foie gras, acciughe tartufate con burro della Normandia,

prosciutto crudo e crema di carciofi tartufati, salmone affumicato e crema

di asparagi, brie e cipolle caramellate, e molti altri che cambiano spesso.


Da bere saltiamo il famoso prosecco e dalla lista dei vini al calice

scegliamo un bianco e un rosso della Casa ”Antinori”, che oggi gestisce il locale.

 

Procacci, Firenze, Mangiare a manovella, Tartufo, Panino tartufato, Antinori, Wine Bar, Gastronomia di lusso, Toscana, Sandro Verdiani, Tania Boccia

 

I vecchi proprietari hanno venduto, ma non hanno voluto

cedere la ricetta dei famosissimi panini tartufati e del pollo in

galantina, non sappiamo quindi se in questo passaggio di consegne

si è perso qualcosa nel gusto, tuttavia l’eleganza e la tradizionalità

del posto, perdonano qualunque manchevolezza gastronomica.


Dobbiamo avvisarvi sulla pericolosità di questi panini mignon, perché è

fortemente probabile venire  contaminati dall’effetto ciliegia, “uno tira l’altro”.

 

Procacci, Firenze, Mangiare a manovella, Tartufo, Panino tartufato, Antinori, Wine Bar, Gastronomia di lusso, Toscana, Sandro Verdiani, Tania Boccia

 

Ho letto sui social alcuni commenti di persone che hanno trovato esagerati i prezzi

di Procacci. Beh… purtroppo devo dirvi che non sono molto d’accordo, due euro

per un panino tartufato ( se pur piccolo) non mi sembra davvero così assurdo.


Vi ricordo che stiamo parlando di un locale storico, elegante, raffinato,

nella via più lussuosa della città… un pezzo della vecchia Firenze.

Pochi euro… per entrare nella storia.

 

Procacci, Firenze, Mangiare a manovella, Tartufo, Panino tartufato, Antinori, Wine Bar, Gastronomia di lusso, Toscana, Sandro Verdiani, Tania Boccia

Procacci, Firenze, Mangiare a manovella, Tartufo, Panino tartufato, Antinori, Wine Bar, Gastronomia di lusso, Toscana, Sandro Verdiani, Tania Boccia


PROCACCI 

Firenze – Via de’ Tornabuoni, 64/R


Per chiamare CLICCA sul numero

055211656


Salotto del Vino e del Verde – Montecarlo

Nel lontano 2018… sotto il cielo dell’antico villaggio di Montecarlo

di Lucca, accadeva che, come ogni anno nel mese di Settembre, Continua a leggere..