Bar Sal8 Agricolo – San Vincenzo

Bar Sal8 Agricolo

 🌾 🍹 🌿

Pensavamo di aver sbagliato strada, perché le dritte che avevamo a disposizione

parlavano di un locale carino, molto conosciuto e parecchio frequentato… e la strada

che stavamo percorrendo era si molto bella, ma sembrava finire in aperta campagna,

era davvero difficile immaginare un posto con queste caratteristiche, invece…

Poggio ai santi, Bar Sal8 Agricolo, San Vincenzo, Mangiare a manovella

Poggio ai santi, Bar Sal8 Agricolo, San Vincenzo, Mangiare a manovella

L’entrata del Bar Sal8 Agricolo

 Una volta che sarete arrivati al Poggio ai santi, avrete percorso soltanto 5

chilometri dalla costa, vi trovate esattamente sulle colline di San Vincenzo

(LI). Viaggiando su Via Aurelia Sud, incontrerete una rotonda con delle

macine in pietra, da li prendete la strada di San Bartolo e fermatevi di fronte

al numero civico 100. Prima però di varcare il cancello, concedetevi un po’ di

bellezza, il biglietto è gratuito, paga madre natura. In quel panorama, immersi

nel verde delle colline, vedrete il sole tuffarsi nel mare della Costa Toscana,

comparse d’eccezione l’Isola d’Elba e (quando è limpido) anche la Corsica….

non è un tramonto qualsiasi, respirate lentamente… incantatevi pure.


All’interno ci troviamo immersi in un giardino meraviglioso e curatissimo, sarà

pure la suggestione del tramonto ma ci sembra già di respirare centinaia di profumi.

La brezza porta l’odore dei pini, in mezzo agli ulivi arrivano tutte le fragranze delle

piante aromatiche, e poi le rose… la lavanda…  rosmarino ovunque…, fiori e

piante grasse, insomma… il verde è rigoglioso e avvolgente, seduti qui perderete

(se Dio vuole) la cognizione del tempo.Bar Sal8 Agricolo, San Vincenzo, Mangiare a manovella


 

L’accoglienza è familiare e immediata: “Preferite un aperitivo o vi sedete per

la grigliaPur sapendo che uno dei fiori all’occhiello del Bar Sal8 Agricolo

è proprio l’aperitivo, ci siamo dovuti arrendere all’arroganza deliziosa del profumo

di “carne alla brace”. In più abbiamo Gino con noi… e dopo una giornata di tuffi

e capriole, la risposta è una sola: …la seconda! C’è da aspettare qualche minuto ma

l’attesa è perfetta, una complice ideale per chi, come noi, è solito curiosare e

conoscere al meglio l’ambiente che andiamo a visitare.

 

Poggio ai santi, Bar Sal8 Agricolo, San Vincenzo, Mangiare a manovella

Poggio ai santi, Bar Sal8 Agricolo, San Vincenzo, Mangiare a manovella

Poggio ai santi, Bar Sal8 Agricolo, San Vincenzo, Mangiare a manovella

Poggio ai santi, Bar Sal8 Agricolo, San Vincenzo, Mangiare a manovella

Poggio ai santi, Bar Sal8 Agricolo, San Vincenzo, Mangiare a manovella


Ceniamo sotto ad un grande gazebo in legno, pochi tavoli… si sta bene, il nostro

si affaccia sul verde del giardino ed il celeste acceso della piscina. Sulla brace

sta cuocendo del “grigio” (È un maiale che nasce dall’incrocio di maiali bianchi,

razza Landrace o Large White, con antiche razze autoctone dell’Italia centrale,

tipo Cinta Senese o Mora Romagnola), ma troverete Bistecche, Rosticciane e ogni

forma di godimento cotto alla brace.

Poggio ai santi, Bar Sal8 Agricolo, San Vincenzo, Mangiare a manovella

Poggio ai santi, Bar Sal8 Agricolo, San Vincenzo, Mangiare a manovella

Poggio ai santi, Bar Sal8 Agricolo, San Vincenzo, Mangiare a manovella

Poggio ai santi, Bar Sal8 Agricolo, San Vincenzo, Mangiare a manovella

Il colore del Vino di stasera è Rosso Rubino… come il nome che l’Azienda Agricola La

Bulichella di Suvereto (LI), ha dato al suo vino, un Sangiovese-Merlot-Cabernet dal

respiro ampio ed intenso.

Poggio ai santi, Bar Sal8 Agricolo, San Vincenzo, Mangiare a manovella

Poggio ai santi, Bar Sal8 Agricolo, San Vincenzo, Mangiare a manovella

Poggio ai santi, Bar Sal8 Agricolo, San Vincenzo, Mangiare a manovella

Ci sentiamo in pace con il mondo…  la totale assenza di rumore, se non quello

della griglia e il frinire delle cicale, fa capire appieno la filosofia di questa famiglia,

farti fuggire dalla routine… dalla quotidianità, la nudità degli elementi come

punto di forza, flora e fauna sono protette e custodite come il bene più prezioso

del mondo… e come dargli torto. Luci, lanterne e candele, in mezzo a tanta natura…

piccole e raffinatissime illuminazioni che si confondono in un ambiente tipicamente

Toscano e in un altro più antico e fiabesco, un mondo chic e spartano… onirico

insieme. La loro passione è travolgente… credo che il complimento più bello da

potergli regalare, sarebbe quello di dirgli che… a noi è arrivata, l’abbiamo sentita.

❤️ DO IT WITH PASSION


Il Bar del Sal8 è un piccolo mondo… un palcoscenico dove le anime più composite

lavorano insieme per offrire qualcosa di singolare, di proprio… e lo fanno. Cocktail

dai nomi seducenti… “Colazione sull’erba” –  “Maree” – “Negroni botanico” –

Insalata liquida“, “Mojito Naked“,  accompagnano una moltitudine di prodotti a

filiera cortissima: Formaggi, Salumi, Affettati, Marmellate, ecc. ecc.


Il Poggio ai Santi è un Azienda agricola Biologica dal 1995, contiene un Parco

Botanico di circa tre ettari, inoltre la fattoria produce Olio d’oliva, Verdure, Frutta

e Miele, alleva Pollame e Conigli… il Pane, le Marmellate e i dolci, sono solo alcune

delle “coccole gastronomiche” di loro produzione di cui potrete approfittare.


Bar Sal8 Agricolo, San Vincenzo, Mangiare a manovella

Bar Sal8 Agricolo, San Vincenzo, Mangiare a manovella

Bar Sal8 Agricolo, San Vincenzo, Mangiare a manovella

Bar Sal8 Agricolo, San Vincenzo, Mangiare a manovellaBar Sal8 Agricolo, San Vincenzo, Mangiare a manovella


Noi vi stiamo raccontando quella che è stata la nostra visita… ma il “Poggio ai Santi

offre ben tre tipi di ristorazione: La zona Bar-Aperitivo (Bar Sal8 Agricolo) dove

potrete perdervi nella magia del loro giardino, accompagnati se volete dai vostri

amici pelosi che saranno i benvenuti,  potrete poi assaporare le carni della loro griglia

sotto ed intorno ad romanticissimo gazebo, e per ultimo… assolutamente non meno

importante, il Ristorante il Sale , che oltre ad una vista straordinaria, offre una

cucina di tradizione utilizzando carni e verdure biologiche provenienti dalla loro

fattoria. Un’attenzione smisurata nel lavorare e cucinare, non solo materie prime

di qualità, ma assolutamente preferire quelle legate al corso delle stagioni.


Bar Sal8 Agricolo

Strada di San Bartolo, 100 – San Vincenzo (LI)

Per chiamare clicca sul numero

0565798032


🚗  per arrivarci  CLICCA QUI


L’Osteria di Angelo – Pieve a Nievole

L’Osteria di Angelo

 

Messi o Ronaldo? Se avessi bisogno di consigli per giocare a calcio, probabilmente suonerei

il campanello di casa loro.  Se mi occorresse un libro, dove cercarlo se non nell’assortimento

di una grande libreria? Idem per i chiodi in ferramenta e le sigarette dal tabaccaio. Stesso

ragionamento per la carne, se avessi voglia di mangiare una bella fiorentina o gustare dei

salumi e degli insaccati fatti come Dio comanda, dove trovarli se non in un ristorante gestito

direttamente da macellai che lavorano, trattano, e maneggiano ciccia da quasi 50 anni?

Macelleria Papini, Pieve a Nievole, Mangiare a manovella

La Macellaeria Papini a Pieve a Nievole (PT)

Era il 1971, quando è nata la Macelleria Papini, in quegli anni nelle cucine Italiane

trionfava la “panna”, i menù dei ristoranti iniziavano quasi tutti con il “Cocktail di

Gamberetti”, i primi erano sempre le “Penne alla polpa di Granchio“, “Farfalle mare

e monti”, “Tagliatelle paglia e fieno”, ecc. ecc. Forse Angelo e la sua famiglia, non

immaginavano neanche lontanamente che un giorno avrebbero servito ai suoi clienti,

piatti così diversi da quelli proposti in  quel periodo, soprattutto in un locale tutto suo.


Nel 2017, Samuele ha aperto, proprio dietro la macelleria, un piccolo ristorante

molto accogliente e ben curato, un locale dall’atmosfera familiare dove si può

degustare tutti i prodotti della sua Macelleria.

Samuele Papini, Osteria di Angelo, Mangiare a manovella

Samuele Papini nella sua Macelleria

L’Osteria di Angelo non è un ristorante con macelleria… bensì una macelleria

con ristorante, tant’è che fino ad una certa ora si può accedere al locale, passando

direttamente per la macelleria. Più comoda è l’entrata principale anche perché

dotata di un parcheggio piuttosto grande, da via Empolese prendete per Via delle

Cantarelle e girate nella prima traversa a sinistra… siete praticamente arrivati.

Macelleria Papini, Pieve a Nievole, Mangiare a manovella

Pochi scalini e ci troviamo di fronte all’entrata, lo spazio esterno, preziosissimo nella

bella stagione, appare elegante, minimale e riservato.

L'Osteria di Angelo, Pieve a Nievole, Mangiare a manovella, Sandro Verdiani

L’entrata dell’Osteria

Anche l’interno si presenta con arredi semplici, moderni ma senza nessuna

ridondanza per tavoli e mise en place, insieme al bianco, il vinaccia delle pareti

richiama il colore del vino e dell’uva matura, avvolgente, elegante, corposo.

Spesso, complicare, è più facile che semplificare… invece.


L'Osteria di Angelo, Pieve a Nievole, Mangiare a manovella

Osteria di Angelo, Pieve a nievole, Mangiare a manovella

Osteria di Angelo, Pieve a nievole, Mangiare a manovella

Prestate grande attenzione alla lavagna del “fuori menù” che è appesa alla parete,

perché i piatti scritti con quel gessetto leggero sono importanti e stuzzicanti al pari

di quelli del Menù che trovate al tavolo.


Veniamo al sodo… cucina toscana come incipit generale, non assaggiare i salumi

e gli insaccati del “Papini”, potrebbe risultare “blasfemo”, quindi, neanche a dirlo:

osteria di angelo, pieve a nievole, mangiare a manovella

Osteria di Angelo, Pieve a Nievole, Mangiare a manovella

Tagliere dell’Osteria ( Culatello cotto al Tartufo, Sbriciolona, Soppressata, Prosciutto, Crostini con Salsiccia, Pancetta, Pecorino Toscano, Crostini di Carne, crostini con la salsiccia, Carciofi sott’olio e Melanzana piccante )

 

L'Osteria di Angelo, Pieve a Nievole, Mangiare a Manovella, Sandro Verdiani

Sapori notevoli per tutti i prodotti del tagliere, personalmente mi alzo in piedi

e regalo 15 minuti di applausi per il Culatello cotto al Tartufo. I complimenti per

le Melanzane piccanti non sono stati da meno e sono finiti soltanto quando è

arrivato il “BIS”. Tra le altre voci spicca una Tartare di Manzo, oppure una

Scamorza fatta al forno con il Prosciutto, delle Bruschette alla SalsicciaLardo

Cavolo nero e Prosciutto croccante – Fagioli, oppure Pecorino Radicchio e Pinoli.


Il Pacchero dell’Osteria al Ragù di vitello e Funghi Porcini, è un piatto ad

elevatissimo livello di soddisfazione culinaria, degno compare, un toscano

doc da sempre plurimedagliato: Maccheroni di pasta fresca con Ragù di

Cinta Senese. In carta anche dei Pici Cacio e Pepe, Tordelli Lucchesi al Ragù,

Tagliatelle ai Funghi porcini.

L'Osteria di Angelo, Pieve a Nievole, Mangiare a manovella, Sandro Verdiani

Pacchero dell’Osteria (Ragù di vitello e Funghi Porcini)

Osteria di Angelo, Pieve a Nievole, mangiare a manovella

Maccheroni di Pasta fresca al Ragù di Cinta senese


Ci siamo affidati ad un rosso, un Sangiovese in purezza, IGT della Fattoria

Dianella dei Conti Passerin d’Entrèves: Il matto delle Giuncaie.

Sorprendente il rapporto qualità-prezzo per un vino destinato a veder crescere

la sua fama nel giro di poco tempo. Affinato in legno francese per un anno,

questo rosso dai profumi intensi e raffinati ha spostato la nostra attenzione

verso questa azienda che non conoscevamo. Si respira un aria poetica intorno

ai vini creati da Francesco e Veronica, ispirati dai sonetti di Renato Fucini

siamo impazienti di assaggiare anche “Le veglie di Neri“, “Sereno e Nuvole“,

All’Aria Aperta” e “Dolci Ricordi“.

osteria di angelo, fattoria dianella, mangiare a manovella

IL MATTO DELLE GIUNCAIE  2015 – IGT – Fattoria DIANELLA


Semplicità anche nelle proposte dei “secondi”, sostantivo imprescindibile, in

un luogo dove la qualità delle materie prime si fa  priorità assoluta.

Osteria di Angelo, Pieve a Nievole, Mangiare a manovella

Bistecca alla Fiorentina

Osteria di Angelo, Pieve a Nievole, Mangiare a manovella

Filetto alla Griglia

Osteria di Angelo, Pieve a Nievole, Mangiare a manovella

Bistecca di Maiale con Verza “rifatta”

Osteria di Angelo, Pieve a Nievole, Mangiare a manovella

Filetto di Manzo al “Chianti” con cipolla toscana caramellata

 

Osteria di Angelo, Pieve a Nievole, Mangiare a manovella

Cinghiale in umido con Olive

 

Osteria di Angelo, Pieve a Nievole, Mangiare a manovella

Carciofi fritti e Fagioli cannellini

 

Osteria di Angelo, Pieve a Nievole, Mangiare a manovella

Patate al forno e Funghi porcini fritti


Per finire…

Osteria di Angelo, Pieve a Nievole, Mangiare a manovella


Vogliamo sapere qualcosa di più da Samuele, e lui, nonostante l’ora e la giornata

di lavoro alle spalle, si presta ad un piccolo interrogatorio amichevole (Grazie).

Vi racconto una cosa che mi è rimasta impressa e che, secondo me, fa trasparire

la passione che questa famiglia mette in questo lavoro.

Gli rammento la bontà delle sue Salsicce e lui sorride…”sai, mio padre (Angelo)

è geloso degli ingredienti, mi dice sempre”, ricordati che le salsicce e le altre

cose che facciamo noi, se fanno tornare i clienti soddisfatti, vuol dire che va

bene così, ingredienti, dosi e lavorazioni, quindi non cambiare mai niente,

per nessun motivo, porta tutto sempre dentro di te.” 


A volte ci chiedono come si fa a riconoscere una carne buona, da una meno

buona, la risposta, sembrerà scontata, ma è avere una macelleria di fiducia.

Il vostro macellaio vi dirà da dove proviene, dove viene macellata, la frollatura,

insomma… solo una filiera certificata e sicura garantirà la qualità della vostra “ciccia”.


Osteria di Angelo, Pieve a Nievole, Mangiare a manovella

Ricordate che… la Carne, è meglio mangiarla buona una volta a settimana,

che tutti i giorni cattiva!


L’Osteria di Angelo

Via Empolese, 52

Pieve a Nievole (PT)


Per chiamare clicca sul numero sotto 👇

057281452


CHIUSO

Mercoledi e Domenica


 

🚗 per arrivarci  CLICCA QUI

 


 

 

Sale e Pepe Cicceria – Monsummano Terme

Cicceria Sale & Pepe

“…sapete dove dovete andare? Alla Cicceria Sale e Pepe di Monsummano Terme”.

Ce lo siamo sentiti dire così tante volte nel giro di pochi giorni, che non abbiamo

potuto fare a meno di provare la cucina di questo ristorante che, in appena sette mesi

di vita, ha già fatto parlare di sé. Lo abbiamo fatto in una domenica sera di inizio

Ottobre, tavolo rigorosamente prenotato, visto il “rimbalzo” ottenuto quando siamo arrivati

all’improvviso. Prima nota positiva, un bel parcheggio ampio, proprio a fianco del locale.

Sale e pepe cicceria, monsummano terme, mangiare a manovella

Una settimana prima avremmo potuto tranquillamente cenare

fuori, la temperatura lo permetteva, ma Ottobre comincia a farsi

sentire con qualche grado in meno, e ci permette soltanto di

“guardare” i tavoli esterni, nel dehor estivo proprio davanti all’entrata.

Sale e pepe cicceria, monsummano terme, mangiare a manovella, sandro verdiani

All’interno  dobbiamo subito ricrederci, perché l’impressione

che avevamo avuto passando in auto, era stata quella, tanto per

capirci, del solito “localino moderno”. Ci piace invece sottolineare la

ricercatezza e l’attenzione dei particolari usata per l’arredamento.

Sale e pepe cicceria, monsummano terme, mangiare a manovella, sandro verdiani

Sale e pepe cicceria, monsummano terme, mangiare a manovella, sandro verdiani

La sala con griglia a vista

Dopo l’imprinting caldo e accogliente ci sediamo e sprofondiamo su sedie così

comode da non credere di essere in un ristorante, bensì in poltrona a casa di amici.

Sale e pepe cicceria, monsummano terme, mangiare a manovella, sandro verdiani

 

Non da meno la scelta dei tavoli, spaziosi e possenti, con una mise en place semplice ed

adeguata al contesto. Luci e materiali riusciti, per un ambiente senza eccessi, di gran coerenza.

 

Sale e pepe cicceria, monsummano terme, mangiare a manovella, sandro verdiani

Va beh dai…  che il locale ci è piaciuto, l’avete capito, vediamo se il percorso gastronomico è

piacevole come la location. Al nostro tavolo arriva Ilaria, con pazienza (con noi ce ne vuole…

quando siamo a tavola ci trasformiamo in bambini con un pò troppo entusiasmo) ci racconta

il Menù e anche i piatti fuori menù, ( stasera Funghi fritti) ci sentiamo in buone mani.

Sale e pepe cicceria, monsummano terme, mangiare a manovella, sandro verdiani

Prosciutto di Norcia 18 mesi, Finocchiona, Coppa di Pistoia, Lardo di Pata Negra, Salsiccia a punta di coltello, Mortadella di Cinghiale al Tartufo

Sale e pepe cicceria, monsummano terme, mangiare a manovella, sandro verdiani

Crostino nero, Parmigiana di Verdure, Finger di Polenta-scamorza-spinaci e Tartufo

Sale e pepe cicceria, monsummano terme, mangiare a manovella, sandro verdiani

Burrata con acciughe, Fonduta di Formaggio, Tartare

 

Sale e pepe cicceria, monsummano terme, mangiare a manovella, sandro verdiani

Tartare di scottona alla Francese

Buona ed esaustiva la carta dei vini, con etichette per tutti i gusti e

tutte le tasche, noi confermiamo la grande personalità e finezza de

Le Macchiole” 2017, un rosso Bolgherese di grande intensità e profumi.

Sale e pepe cicceria, monsummano terme, mangiare a manovella, sandro verdiani

Le Macchiole 2017 – Bolgheri Rosso

Sale e pepe cicceria, monsummano terme, mangiare a manovella, sandro verdiani

Tagliolini al Tartufo

Brace a vistaCicceria Sale e pepe, Monsummano terme, Mangiare a manovella, sandro verdianiCicceria Sale e pepe, Monsummano terme, Mangiare a manovella, sandro verdiani

Sale e pepe cicceria, monsummano terme, mangiare a manovella, sandro verdiani

Funghi fritti e Patate

_________________________________________________

Per tutta la sera abbiamo scherzato con Stefano (un amico di vecchia data),

lamentandoci per il servizio scadente e la pessima qualità dei piatti.  Lo

ringraziamo invece tantissimo per essere stato al gioco, approfittando per

sottolineare quanto invece sia stato molto disponibile, senza farci mancare niente.

Sale e pepe cicceria, monsummano terme, mangiare a manovella, sandro verdiani

 Soltanto in apparenza gli assaggi in degustazione dell’antipasto

Sale e Pepe, hanno le caratteristiche del classico “Toscano”. La diversa

tipologia e provenienza, mista all’eccellente qualità delle materie prime,

rinnovano, (vi garantiamo), la curiosità e il desiderio di gustarle ancora.

___________________________________________________

Una sola visita non permette di poter assaggiare tutti piatti di un Ristorante.

Risotto al PiccioneRisotto mantecato ai Porcini – Tra le loro paste fatte

in casa, i Pici cacio e pepeMaccheroni all’AnatraPappardelle al Cinghiale

nostrano – Gnudi di Ricotta e Spinaci o Burro e SalviaTordelli Lucchesi

al RagùRavioli di Ortica e alla NorcinaPoi tutte le carni che vengono “braciate

e grigliate”…agnello, galletto, pollo, filetto, rosticciane e arrosticini

______________________________________________________

Stasera, la regina era cotta alla perfezione, grandi sapori e grande morbidezza.

( sono arrivati i dolci)   Vi lasciamo un giudizio finale, che non può che essere

positivo. Simone e Ilaria sono tranquilli, dalle loro parole si percepisce il

percorso che intendono fare: lavorare con passione facendo le cose fatte bene.

Ci sembra un ottima premessa per fare loro i nostri migliori auguri. Ah già… i DOLCI

Sale e pepe cicceria, monsummano terme, mangiare a manovella, sandro verdiani

Crema di Mascarpone in vasetto con Crumble al Caffè -Malvasia, gentilmente offerta dalla casa.


Cicceria Sale e Pepe

Via Francesca Nord, 1118 – Monsummano Terme (PT)

per chiamare clicca sul numero sotto 👇

0572505235


 

🚗 per arrivarci  CLICCA QUI

 


 

 

cos’è assolutamente

Cose da mangiare e da bere, ma anche luoghi

o situazioni che per noi rappresentano un

riferimento. Siamo liberi da “sponsor” quindi

scegliamo ciò che piace a noi, felici nel farlo… 

ma senza nessuna pretesa di infallibilità.


LA Vintage Bistrot – Pietrasanta

 

LA Vintage Bistrot

 

Voglia di Carne alla griglia? Niente fuoco… niente legna… niente brace.

È sufficiente salire in macchina direzione Pietrasanta, parcheggiare in Continua a leggere..

STEAK HOME – Serravalle Pistoiese

L’arrivo allo Steak Home, in una serata calda e umida di

Gennaio, è quantomeno scenografico. Sarà la fame, ma vedendo Continua a leggere..

La Botteghina del Maialetto – Monsummano Terme

Ci sono due tipi di definizione per il panino.

Wikipedia dice:  Un panino imbottito è una forma di pane di piccola pezzatura

tagliata in orizzontale e riempita con vari companatici, solitamente salumi, formaggi, insalata, etc.

Continua a leggere..