chi siamo

IMG_5989

Tania Boccia, 44 anni, toscana nell’anima, segno zodiacale Scorpione. Avrei voluto essere e fare tante cose, anche perché da sempre, uno dei miei motti è: con la volontà . . . tutto si può fare. Alla fine riesco a diplomarmi in Arte con specializzazione in Oreficeria, dopodiché diventerò grafica pubblicitaria, lavoro che mi accompagnerà per ben 15 anni, fino ad essere attualmente moglie, mamma e commerciante nel settore abbigliamento. Le mie passioni: la musica, l’arredamento, la lettura, il cibo, ma soprattutto la ricerca quasi maniacale di una emozione in qualsiasi cosa faccia. Emozioni e sensazioni che vengono amplificate dall’alchimia magica che si è creata con mio marito. Felice di iniziare a condividere queste esperienze con voi …. forchetta e coltello … VIA!!!

 

IMG_5988Sandro Verdiani, 56 anni, commerciante nel settore abbigliamento, vivo e lavoro a Montecatini Terme, una moglie, un figlio, due, tre, quattro, cinque passioni, tra cui la più divorante è quella che consiste nel sedermi ad un tavolo ed ordinare qualcosa da mangiare o da bere, dalla più semplice osteria al più prestigioso dei ristoranti, alla ricerca del posticino non ancora trovato che riesca a farmi provare sensazioni ed emozioni sempre nuove. Scuola Alberghiera a parte, conosco l’ambiente da vicino avendo lavorato per anni in ristoranti ed alberghi. Amo la tipicità e la nostranità del territorio, e perché no… le novità, purché siano però sensate ed intelligenti. Ex musicista… non si possono scindere cibo e musica. Gastronomia e musica costituiscono due punti fermi per i miei continui “pellegrinaggi”: in fondo, sono forme d’arte ben più vicine tra di loro di quel che si possa pensare. Contagiato gravemente dalla passione che mia moglie ha nell’arredamento e ricerca di location particolari, non riesco più a “non far caso” ad un locale arredato con cattivo gusto, anche quando, al contrario, dove trovo dei bellissimi locali con  la cucina ed il servizio che si rivelano un disastro. Scrivo di notte addormentandomi continuamente. Seduto al tavolo di un ristorante, temo l’approssimazione, la musica sbagliata, e dover sentire i fatti degli altri perché i toni sono troppo alti. Canzone preferita: Pena de l’alma (Vinicio Capossela) in sostituzione…Estate (suonata dall’Almada Trumpet).

 

I commenti sono chiusi