L’ORTO – Empoli

“Meglio godersi la rosa… guardarla, ammirarla… sentirne il profumo

e gioire della sua bellezza, che esaminare le sue radici al microscopio”.

 

Oscar Wilde, più o meno con queste parole, esprimeva un pensiero

semplice: godetevi il sapore delle sensazioni, esaltate la poesia della

cornice oltre che il dipinto… imparate a riconoscere la bellezza e il valore

delle cose che hanno avuto un vissuto… un passato. Evitare l’omologazione

rende liberi. Ci siamo sentiti un po’ così, seduti al tavolo dell’Orto a Empoli.

Ci era piaciuto già da casa, prima di partire. Un posto unico, reso ancora

più speciale dalla sua ubicazione, in centro città. Negozio di fiori…

ristorante… bar… bistrot… fast food… tea room… quale definizione ci

sembra più appropriata?  Tutte. Dalla frequentatissima Via Roma,

a Empoli, entrare in questo ristorante, può confondere le idee. Penserete:

siamo ancora in Italia o abbiamo camminato fino a Parigi nel quartiere

Le Marais ? Saliti forse, senza accorgersene, su di un aereo fino

al sud della Londra più cool, nel quartiere di Bermondsey ? Meglio

ancora ragazzi… siamo rimasti in Toscana. L’insegna “L’ORTO”, appoggiata

sul muretto, è gigantesca, proprio di fianco sulla destra c’è l’ingresso.

Ci troviamo immersi in un giardino pieno di fiori, piante ed erbe

aromatiche, un angolo verde con tanto di negozio di fiori annesso.

Ci sono diversi tavoli per poter cenare fuori, ma la stagione è un po’

indietro… non ce lo permette, quindi entriamo. Accoglienza sincera

e sorridente della ragazza che ci accompagna al tavolo. Attraversiamo

un corridoio lungo e stretto che porta ad una delle due sale interne.

Soffitti alti, vetrate industriali, pavimenti spartani, l’ambientazione

è davvero suggestiva, tutto quello che vedono i nostri occhi ci piace.

Il Design Mauro Taliani e Alfonso Tufano hanno sperato che questo locale

fosse interpretato come una piccola oasi di pace, un buen retiro per chi vuol

“tornare indietro”, per chi vuole fermarsi un attimo… e secondo noi, ci sono riusciti.

Dettagli difficilmente trascurabili sottolineano l‘impegno e la maniacale

ricerca anche del più piccolo particolare… un posto davvero incantevole.

(in un ristorante convenzionale si chiamerebbe “sala”) noi invece siamo

nella “serra” accanto… quella più intima, quella dai rossi lampadari… dai

rubinetti dell’acqua accanto ai tavoli e la stufa di maiolica, quella dove attraverso

i vetri, puoi ammirare ancora intatti , i beccatelli delle vecchie mura cittadine.

La lavagna appesa indica i piatti del giorno e noi, mentre assaggiamo i

crostini di benvenuto che ci hanno portato, diamo un’occhiata al menù.

Si mangiano piatti della tradizione toscana: carne, ma anche pesce, lavorati

e preparati con verdure e legumi di provenienza locale. Preferita la filiera

cortissima… frutta e verdura di Ademaro Frutta, salumi della Gastronomia

Moriani, pane del forno di Montegemoli e pasta fresca del Pastificio Gerini. Io scelgo…


 

L’antipasto dell’Orto 


Tania ogni volta che vede scritto Baccalà… non ce la fa, è più forte di lei…

Insalata di Baccalà


Non prendo mai la pasta di sera ma questi

Spaghetti con Bottarga di muggine e Pistacchi 

forse meritano un eccezione

la scelta della Tania, per carità.. ottima e validissima… ma

un filino salutista… mi fa sentire ancora più in colpa


Minestra di Verdure


 

 

Da Palaia, in provincia di pisa, precisamente da Usigliano, proviene

questo IGT rosso, fruttato, allegro e versatile, tannico quanto basta. 

Il Grullaio


All’Orto son bravi a fare dolci, come potremmo uscire e dire di

non averli assaggiati? Chi resisterebbe ad una vergogna simile?

…e se il baccalà sta alla Tania come il Tiramisù sta a me.

Tiramisù


 

non ci ricordiamo il nome… MA ERA BONO


Un consiglio imperativo… quasi un ordine: mentre

aspettate il Caffè, fatevi un giretto al bagno… è super!

Prima di uscire, visitiamo la saletta dove c’è il banco Pasticceria, e Alfonso,

che ringraziamo per la disponibilità, ci racconta qualcosa di più sull’Orto.

 l’Orto rimane aperto dalle 10,00 alle 24,00. Potrete far colazione con le torte

e la caffetteria di produzione propria, pranzare o fare una pausa di pomeriggio

per un tè, oppure trovarvi per un aperitivo in attesa dell’ora di cena. Di  Martedi

che è il giorno di chiusura, non potrete godere dell’intimità che regala questo spazio,

e ricordate:

ognuno è alla ricerca di un pò di pane, un

d’affetto e di sentirsi a casa da qualche parte…


L’ORTO

Via Roma 18 – Empoli (Fi)

 Per chiamare CLICCA sul numero 

0571537225

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *